PREVENIRE E PROTEGGERSI DALLA PROCESSIONARIA

PREVENIRE E PROTEGGERSI DALLA PROCESSIONARIA
 
Tra la fine gennaio /marzo sono stati rimossi numerosi nidi di processionaria sia nell’area del mercato che nei pressi del parco Fara Forni, Asilo Nido e Palestra Comunale.
 
Cosa fa il Comune: in ottemperanza alle direttive della Azienda Territoriale Sanitaria, ATS, oltre ad aver stanziato i fondi necessari per staccare i nidi di processionaria dai rami con adeguato automezzo dotato di cestello ed aver effettuato idoneo smaltimento, il settore Ambiente prosegue con la necessaria prevenzione sostituendo nei mesi di giugno e luglio le pastiglie interne ai cestelli di colore verde appesi agli alberi più attrattivi. I cestelli sono trappole ai feromoni che attirano e intrappolano i maschi, limitandone la riproduzione.
 
E il privato? con ordinanza sindacale n. 24 del 30.03.2017 si sono chiariti gli obblighi dei privati, singoli o amministratori condominiali: bisogna occuparsi della propria area verde e verificare la presenza di nidi con maggiore attenzione per le specie di pino. Quando si riscontra la presenza di nidi è fatto obbligo rimuoverli a propria cura
e spese prima che le larve escano e procedere con idoneo smaltimento.
 
è assolutamente vietato inserire il ramo tagliato nella frazione del verde. Il problema è nelle setole urticanti e allergizzanti che le larve rilasciano: i peli sono pericolosi al contatto, sia cutaneo che delle mucose degli occhi e delle vie respiratorie, soprattutto in soggetti particolarmente sensibili. Poiché si possono avere effetti negativi sulle persone e sugli animali che risiedono o frequentano le aree interessate da tale infestazione.
 
CHIEDIAMO L’ATTENZIONE DI TUTTI
 
UFFICIO TECNICO SETTORE AMBIENTE – Tel. 0332 867790
ambiente@comune.vedano-olona.va.it – protocollo@pec.ats-insubria.it